Ricerca Giambrone RU


Giambrone conduce una ricerca comparativa sulle misure governative adottate dalle amministrazioni regionali russe in relazione alla diffusione del coronavirus COVID-19.

Mentre notizie martellanti e contraddittorie continuano a diffondersi quasi alla stessa velocità del coronavirus COVID-19, il team di Giambrone ha osservato attentamente le diverse misure adottate in diverse parti del mondo per valutarne le conseguenze legali. In questo articolo ci concentreremo su delle misure che differiscono notevolmente, sebbene le regioni confrontate appartengano ad un medesimo Stato, la Federazione Russa.

Ci concentreremo su due regioni russe, che secondo l'art. 65 della Costituzione russa sono definiti come "soggetti della Federazione Russa" - La Repubblica di Carelia (di seguito, Carelia) e l’ oblast di Nizhegorodsky (di seguito, Nizhegorodsky). La Carelia è una piccola regione al confine con la Finlandia e conosciuta come la terza più grande regione di traffico passeggeri e passaggio turistico tra il Nord Europa e la Russia. La regione di Nizhegorodsky appartiene alla Russia centrale, con capitale a Nizhniy Novgorod, la terza città più grande della Russia, con una popolazione di 1,2 M di persone, con un aeroporto internazionale in città e a soli 450 km da Mosca, la capitale della Federazione Russa.

Gleb Nikitin, governatore della regione di Nizhegorodsky, ha ufficialmente dichiarato che 1) "la diffusione del coronavirus COVID-19 alle condizioni attuali è un caso di force majeur" e ha modificato il decreto in "Regime di massima allerta" specificando che 2) fino a nuovo ordine, a partire dal 24 marzo, tutte le strutture sportive pubbliche e private come palestre, piscine e simili che implicano attività sportive collettive al chiuso devono restare chiuse. Allo stesso tempo, il suddetto decreto prevede che le misure a supporto delle imprese governative devono ancora essere sviluppate; 3) tutte le strutture ricreative per bambini sono soggette a chiusura a partire dalla stessa data; 4) ristoranti e bar possono restare aperti, tuttavia la loro capacità di accoglienza pubblica deve essere ridotta del 30%. Si raccomanda inoltre alle attività di ristorazione di puntare sul servizio a domicilio o sul cibo da asporto; 5) tutte le attività commerciali devono ampliare la consegna delle merci a domicilio o il ritiro presso un indirizzo; 6) tutte le compagnie di telefonia mobile non devono bloccare i servizi di telefonia cellulare ai propri clienti di età pari o superiore a 65 anni anche se il saldo del conto è inferiore a zero; 7) si raccomandano il Ministro dell’Interno,  il Servizio Federale per la Supervisione delle Comunicazioni, la tecnologia dell’informazione e i mass media della regione di Nizhegorodsky di tracciare e bloccare immediatamente qualsiasi pagina Web contenente false notizie sulla diffusione del COVID-19 nella regione, nonché approvare misure e denunciare coloro che diffonderanno false informazioni sul coronavirus COVID-19. L'ultimo nonché conclusivo appello che il sindaco ha pubblicato attraverso il suo account Instagram al popolo della sua regione è stato che “nonostante siano state adottate misure rigorose, la loro efficacia dipenderà solo dalla popolazione stessa, dalla sua disponibilità a seguire le regole imposte. Adesso il mondo intero sta affrontando la questione, quindi prendiamoci cura dei nostri cari e di ciascuno di noi."

È interessante mettere a confronto le misure sopra menzionate con la reazione al COVID-19 di Artur Parfenchikov, a capo della Carelia, il quale ha già firmato diversi provvedimenti riguardanti la diffusione del COVID-19 in Carelia. Il nostro intento non è quello di menzionarli tutti poiché molti sono simili a quelli adottati nella regione di Nizhegorosky. Tuttavia, il team di Giambrone ha trovato alcune di queste misure molto interessanti dal punto di vista giuridico, soprattutto se si sottopongono ad un'attenta analisi giuridica le disposizioni della Costituzione russa. Il primo provvedimento regionale che ha attirato la nostra attenzione riguarda l'approvazione di ulteriori misure sanitarie negli edifici, nei sistemi di ventilazione e negli uffici delle autorità esecutive pubbliche della Carelia e delle entità affiliate, nonché in tutti i trasporti pubblici. Si raccomanda il rispetto delle stesse regole anche alle entità locali in Carelia e ai datori di lavoro che agiscono sul territorio regionale. Per quanto riguarda gli eventi pubblici, a partire dal 16 marzo, fino a nuove disposizioni, gli eventi sportivi, spettacoli ed eventi simili vengono cancellati. L'installazione di speciali dispositivi UV al quarzo per l'eliminazione dei batteri deve essere prevista in tutte le sale conferenze dell’esecutivo. I viaggi all’estero dei pubblici ufficiali dovranno essere ridotti. Il 19 marzo è stato pubblicato un altro provvedimento sul sito web del Governo regionale che ha implementato nuove disposizioni per i luoghi pubblici (mezzi pubblici inclusi) per tutti i minori di 18 anni. L'ordinanza definisce la situazione attuale come epidemiologicamente complessa, quindi tutti i minorenni devono apparire in pubblico solo se dotati di mezzi di protezione individuali (mascherine), mentre i bambini di età inferiore ai 14 anni, che appaiono in pubblico o sui mezzi pubblici devono essere accompagnati da un adulto.

Come possiamo vedere, le misure adottate, alcune obbligatorie, altre solo sotto forma di  semplice raccomandazione, tuttavia, indicano la limitazione della normale attività della popolazione e delle imprese. Tali misure sono normalmente adottate in stato di emergenza a fini della protezione. Al 25 marzo il Presidente russo si è rivolto alla nazione sulla questione COVID-9 del coronavirus, affermando che non è stato ufficialmente dichiarato lo stato di emergenza.

La nostra analisi legale preliminare non richiederà molte pagine in quanto utilizzeremo le disposizioni della Costituzione russa che, ai sensi del paragrafo 1 dell'art. 15 della stessa, hanno il massimo effetto giuridico e l'applicazione diretta in tutto il territorio russo.

Come possiamo vedere dalle misure adottate in entrambe le regioni, tutte influenzano notevolmente i diritti costituzionali dei cittadini russi e di tutti quei cittadini stranieri che al momento si trovano in Russia. Ad esempio, l'art. 18 della Costituzione russa prevede l'applicazione diretta e incondizionata dei diritti umani, quest'ultima determina i contenuti, il significato e l'applicazione delle leggi, il funzionamento dei poteri legislativo ed esecutivo, nonché delle amministrazioni locali e la loro applicazione giuridica.

L’art. 8 della Costituzione stabilisce l'unità dello spazio economico, la libera circolazione delle merci, i servizi e i mezzi finanziari, il sostegno statale all'attività economica libera e competitiva, nonché mezzi equi di riconoscimento e protezione per le forme di proprietà di enti privati, pubblici e locali.

Arte. 27 della Costituzione riconosce i diritti alla libera circolazione, alla scelta del soggiorno o della residenza nel territorio dello stato di ogni singolo individuo legalmente presente nel territorio russo. Con lo stesso articolo è garantito il libero viaggio all'estero e il ritorno nella Federazione Russa.

Le misure dei governatori toccano e limitano indirettamente altri diritti umani costituzionali come la libertà di espressione e informazione e la libertà dei mass media (art. 29 della Costituzione), sfidano il diritto all'assemblea pacifica (art. 31) e la pari protezione di tutte le forme di proprietà (art. 8). Dal punto di vista legale ai sensi dell'articolo 41 della Costituzione russa, il diritto alla protezione della salute e all'assistenza medica è concesso a ciascun individuo, e non solo ai funzionari pubblici e agli uffici utilizzati per amministrare i propri poteri, inoltre, il paragrafo 3 dello stesso articolo prevede la responsabilità legale dei funzionari pubblici di nascondere fatti e circostanze che costituiscono una minaccia per la vita e la salute delle persone e comportano sanzioni legali. Quindi, come possiamo vedere, la responsabilità dei funzionari pubblici è elevata nel proteggere i diritti di tutti i cittadini. I primi decreti careliani avevano una natura limitante e miravano a proteggere i pubblici ufficiali prima dei cittadini e delle imprese locali.

La parte essenziale della nostra ricerca riguarda il paragrafo 3 dell'art. 55 della Costituzione che indica che i diritti umani e le libertà possono essere limitati solo dalla legge federale e nelle misure necessarie per proteggere il sistema costituzionale, l'etica, la salute, i diritti e gli interessi legali di altre persone e per consentire la difesa e la sicurezza del Paese. I decreti e i provvedimenti regionali non rientrano nella categoria di una legge federale, inoltre hanno un effetto giuridico minore e devono soddisfare i requisiti della Costituzione, delle leggi costituzionali federali e delle leggi federali, in questo particolare ordine. Pertanto, fino a quando il Presidente della Federazione Russa non eserciterà il suo diritto costituzionale ai sensi dell'articolo 88 della Costituzione di proclamare in tutto il territorio russo o nella sua parte lo stato di emergenza in conformità con una speciale procedura legale (è richiesta la legge federale costituzionale), tutte le misure regionali potrebbero essere interpretate come non obbligatorie, pertanto hanno solo carattere precauzionale, specialmente in assenza di una legge federale, che disciplina la limitazione dei diritti umani connessa alla diffusione minacciosa del coronavirus COVID-19.

Inoltre, vorremmo aggiungere che il termine “forza maggiore” viene normalmente utilizzano nei contratti commerciali, in particolare nelle disposizioni contrattuali che regolano la mancata esecuzione delle parti ed è descritto nel codice civile russo. Secondo il para. o) dell'art. 71 della Costituzione russa adottare la legislazione civile è prerogativa esclusiva del governo federale. I governatori delle regioni russe non possono essere definiti come funzionari pubblici federali né hanno il potere di adottare norme sulla legislazione civile. Pertanto, la terminologia utilizzata nel decreto emesso dal governatore della regione di Nizhegorodsky probabilmente non dovrebbe essere interpretata come un termine legale. Dovrebbe essere inteso come un termine di buon senso, che purtroppo viene utilizzato nella legislazione regionale. Dal punto di vista legale, tutti i decreti discussi potrebbero avere un carattere chiaramente incostituzionale e potrebbero essere impugnati.

Se desideri ricevere una consulenza legale su misura per le tue esigenze specifiche in questo momento di incertezza connesso al coronavirus COVID-19, puoi contattarci compilando un modulo online qui o scrivendo a london@giambronelaw.com